Siem Reap, incastonata tra le rovine di Angkor Wat e il lago di Tonlé Sap, un punto di partenza ideale alla scoperta dei templi e rovine Khmer. Tuttavia, oltre ai templi di Angkor, a Siem Reap ci sono ancora diversi mete affascinanti, che vale la pena visitare. Tra questi il museo Nazionale di Angkor, villaggio galleggiante sul lago tonle sap, crocodile farm, un sacco di piccoli templi,... nel siem Reap. Non perdete quest'articolo se volete sapere a Siem Reap, cosa vedere!

I. Templi di Angkor 

Sicuramente il nome Siem Reap è legato ad Angkor Wat con suoi spettacolari templi. Il suo sviluppo è dovuto al numero crescente di turisti che visitano l’attrazione più importante della Cambogia.

È stato indimenticabile camminare tra queste costruzioni che sembrano uscite dalla pellicola di un film ed invece sono li, reali, ed espressione della massima capacità artistica dell’uomo. Ecco i templi di Angkor, sia un mito della Cambogia che il più grande sito religioso del mondo. L'immensa area di Angkor racchiude i templi appartenenti all'antica capitale dell'Impero antico Khmer e nel periodo compreso fra il IX ed il XV secolo era il centro religioso e politico. In questi, il parco archeologico, istituito per decreto reale nel 1994, occupa ben 400km2 di territorio e al suo interno si trovano centinaia di edifici religiosi. Se l’Angkor Wat è il più grande edificio religioso del pianeta, mentre il Bayon, con i suoi immensi volti in pietra, è uno dei più insoliti; nel Ta Prohm, invece, regna sovrana la natura. In questi, il Banteay Srei, ricco di raffinati rilievi, le rovine immerse nella giungla del Beng Mealea e la piramide di Koh Ker, che ricorda quelle dei maya. 

1. Angkor Wat

Angkor Wat, in lingua Khmer significa “Tempio della città”, si trova all’interno del complesso archeologico di Angkor, è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. È meglio conservato della zona ed è l'unico a essere rimasto un importante centro religioso fin dalla sua fondazione, rappresentando uno dei punti più alti dello stile classico dell'architettura Khmer. Angkor Wat riassume due principali caratteristiche dell'architettura cambogiana: il "tempio-montagna" che si erge all'interno di un fossato a simboleggiare il Monte Meru (la montagna degli dei nella religione indù) e i successivi "templi a galleria". Tale tempio è stato elogiato soprattutto per l'armonia del suo progetto, che è stato paragonato all'architettura degli antichi greci e romani. Secondo Maurice Glaize, un sovrintendente di Angkor della metà del XX secolo, il tempio "raggiunge una perfezione classica mediante una moderata monumentalità dei suoi elementi più belli e la collocazione precisa delle sue proporzioni. È un'opera di potenza, unità e stile". Pertanto, Angkor Wat è diventato il simbolo della Cambogia, tanto che appare sulla bandiera nazionale ed è oggi il luogo del paese più visitato dai turisti. Il modo migliore per visitare Angkor Wat è partendo da Siem Reap, che si trova a circa di 10km di distanza. Da qui è interessante che potete trovare a prendere un tuk tuk Cambogia. 

2. Angkor Thom

Angkor Thom (che in lingua khmer significa semplicemente Grande Città) è il nome attualmente usato per l'ultima e più potente capitale dell'Impero Khmer che dominava il sud-est asiatico e raggiunse il massimo splendore tra il XII e il XIV secolo per poi essere inspiegabilmente abbandonata. Copre un'area di circa 9 km² in cui si possono trovare diversi monumenti, sia di epoche precedenti che costruiti da Jayavarman VII e suoi successori. Al centro della città c'è il tempio-montagna del Bayon, centro del culto di stato di Jayavarman VII, mentre altre costruzioni importanti sono raggruppate attorno alla Piazza della Vittoria, subito a nord. Angkor Thom è costruita nello stile detto Bayon (dal tempio omonimo), che si manifesta nelle grandi dimensioni costruttive, nell'ampio uso di laterite, nelle torri quadrangolari con grandi visi scolpiti e nei ponti Nāga ad ognuna delle cinque entrate della città. Protetta da possenti mura, vi si accede da porte colossali, situate ai quattro punti cardinali. Immersi tra la fitta vegetazione, spuntano a sorpresa decine di templi e resti di antichi edifici sparsi su una superficie di un centinaio di chilometri quadrati. Vista l'estensione, vi conviene spostarvi anche con un tuk-tuk Cambogia che vi segua per tutta la visita 

3. Preah Khan

Preah Khan rappresenta uno dei templi più imponenti di Angkor. Preah Khan, in lingua Khmer significa “La Sacra Spada”, è situato a nord di Angkor Thom. Commissionato dal sovrano Jayavarman VII alla fine del XII secolo, Preah Khan fu utilizzato temporaneamente come residenza reale, in attesa del completamento di Angkor Thom. Il tempio è dedicato al padre di Jayavarman VII, come testimoniano le numerose immagini di Lokeshvara  realizzate con il volto del padre del sovrano. Tuttavia, tale tempio annovera anche numerose immagini di Shiva, Brahma e Vishnu, le principali della mitologia Induista.

4. Ta Prohm

Set cinematografico di uno degli episodi della saga di Tomb Raider, sicuramente riconoscerete il Ta Prohm per le fitte radici che avvolgono parte del tempio. E’ un luogo estremamente suggestivo (e purtroppo sempre molto affollato), imperdibile durante la vostra visita ad Angkor. I massi ammucchiati, le radici che conquistano il loro spazio tra i corridoi

  

II. Tonlé Sap

Una delle destinazioni più affascinanti del Siem Reap è Tonlé Sap. Il più grande lago di acqua dolce della Cambogia e di tutto il Sud-est asiatico saprà regalarvi una vista unica e speciale: la sua superficie pullula di piccole palafitte animate e di barchette straripanti di frutta e verdura. Tonlé Sap, significa “Grande fiume dalle acque fresche”, questo è il suo nome, dichiarato “riserva della biosfera” UNESCO nel 1997. Interessante anche quello che il fiume tonle sap, sfocia nel lago, due volte in un anno cambia la direzione della corrente.

Da Siem Reap sul lago sono le gite in barca o in tuk-tuk Cambogia fino al porto, e l'assunzione di una barca lì. Durante le escursioni che vale la pena visitare uno dei villaggi galleggianti, il più popolare dei quali - Chong Khneas. Godete della vista di una Cambogia rurale, ammirando i pescatori indaffarati, le donne al mercato e i piccoli tuffatori esperti.

III. Phnom Kulen

Perché perdiamo Phnom Kulen, no? Montagna sacra per il gruppo della popolazione khmer, Phnom Kulen è una destinazione ideale per una giornata di trekking e di attività in famiglia o tra amici. Essendo la montagna e le cascate, Phnom Kulen, in realtà, si tratta di un enorme parco nazionale, in cui c'è la montagna, con cui scorre il fiume, dove si trova 30 metri, la cascata di Phnom Kulen. 

Oltre ai paesaggi straordinari, tale montagna ha un significato storico: qui 802 anno il re Jayavarman II ha annunciato l'indipendenza del paese, scatenando una moderna Cambogia. Fiume chiamato "Fiume di migliaia di lingas" (un simbolo importante della religione cambogiana). Dovreste passare una giornata nella giungla, pranzare in un ristorante locale e poi rilassarsi presso le cascate nel pomeriggio. Non dimenticate una fermata al Kbal Spean, il fiume sacro della Cambogia: infatti, ci sono oltre 1000 piccole sculture di linga (simbolo fallico buddhista) nascoste in questo ruscello, è davvero impressionante

IV. Villaggio culturale Cambogiano (Cambodia Cultural Village)

In questo parco a tema-museo si sarà in grado di conoscere la vita e la cultura dei popoli numerosi Cambogia. Piuttosto vasto parco in realtà si trova ben 11 unici villaggi, appartenenti a diverse culture, residenti nel territorio del regno. In ciascuno dei villaggi, oltre a mostre, sarete in grado di vedere i tradizionali spettacoli e rappresentazioni, tra cui: abiti da cerimonia, acrobatica e circo, giochi, spettacoli di danza, spettacoli di elefanti e altro ancora. Qui sarete in grado di vedere la tradizionale danza Apsara (Apsara dance). Anche qui c'è il museo delle cere, che racconta di eventi storici e personalità di spicco fin dai tempi antichi ai tempi moderni. Naturalmente, all'interno del villaggio c'è un ristorante tradizionale. Questo posto è sicuramente vale la pena di visitare. Solo un male per tutti qui a vedere, almeno mezza giornata, ma il tempo a Siem Reap non è sempre sufficiente.

V. Museo militare (Siem Reap War Museum)

Di strada da Siem Reap aeroporto, si trova il museo militare. Sotto il cielo aperto sono esposti i grandi campioni di tecnologia militare, hanno partecipato al combattimento reale, e all'interno del museo ha raccolto un sacco di piccole mostre. Nella collezione di macchine di grandi dimensioni, ci sono elicotteri, aerei e carri armati, tra cui la fabbricazione sovietica, ma, purtroppo, tutti in pessime condizioni. La parte tecnica, a quanto pare, hanno trasferito direttamente dal campo di battaglia dopo che sono stati colpiti. Parte degli oggetti ricoperti di erba. In generale l'impressione di un museo di essa, che ha abbandonato e nessuno si preoccupa. 

Il museo è abbastanza interessante da visitare. Ma se non sei un appassionato di tecnologia militare e di storia, probabilmente sarete delusi dopo la visita.

  >> Pianificate i vostri viaggi qui: https://vietnam.indocinaviaggi.com/viaggio-su-misura <<

 

 

 

Erba Pham

Lascateci un commento

0 comments

Sort by

get in touch

Domande?
I nostri consulenti qui ad aiutarvi.

Essendo i locali, capiscono il vero valore del vostro viaggio. Vi ascoltiamo ed organizziamo sempre il vostro viaggio come desiderate. Vi preghiamo gentilmente di inviarci qualsiasi informazioni sul vostro viaggio, vi invieremo le migliori offerte rapidamente.

Contattateci

Nostro Partner

Indocinaviaggi.com - siamo accompagnati con altri marchi leader per regalarvi delle vacanze meravigliose.