Cosa vedere in Cambogia, uno dei Paesi asiatici più affascinanti del mondo, dove il mondo antico e quello moderno si incontrano offrendo un’avventura autentica? Ci sono tante magie in questo regno affascinante: le risaie a perdita d'occhio, gli antichissimi templi Khmer, i villaggi galleggianti, animate città coloniali, le spiagge di sabbia bianca e lagune color cristallo... In quest'articolo vi suggeriamo le 10 posti imperdibili per un tour Cambogia che non potete dimenticare. Tutto è perfetto per una vacanza in Cambogia lontana dallo stress e decisamente economica, o per un viaggio alla scoperta delle antiche civiltà asiatiche.

I. Templi di Angkor (Angkor Wat e Angkor Thom)

È stato indimenticabile camminare tra queste costruzioni che sembrano uscite dalla pellicola di un film ed invece sono li, reali, ed espressione della massima capacità artistica dell’uomo. Ecco i templi di Angkor, sia un mito della Cambogia che il più grande sito religioso del mondo. L'immensa area di Angkor racchiude i templi appartenenti all'antica capitale dell'Impero antico Khmer e nel periodo compreso fra il IX ed il XV secolo era il centro religioso e politico. In questi, il parco archeologico, istituito per decreto reale nel 1994, occupa ben 400km2 di territorio e al suo interno si trovano centinaia di edifici religiosi. Sono solo da una cinquantina quelli aperti al pubblico e ogni giorno migliaia di visitatori provenienti da ogni parte del mondo ne varcano le soglie. Data la vastità del complesso, non è per nulla facile capire in che modo organizzare la visita. Pertanto vi presentiamo i due dei quelli più belli e da non perdere, visitando i templi Angkor: Angkor Wat e Angkor Thom.

1. Angkor Wat

Angkor Wat, in ingua Khmer significa “Tempio della città”, si trova all’interno del complesso archeologico di Angkor, è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. È meglio conservato della zona ed è l'unico a essere rimasto un importante centro religioso fin dalla sua fondazione, rappresentando uno dei punti più alti dello stile classico dell'architettura Khmer. Angkor Wat riassume due principali caratteristiche dell'architettura cambogiana: il "tempio-montagna" che si erge all'interno di un fossato a simboleggiare il Monte Meru (la montagna degli dei nella religione indù) e i successivi "templi a galleria". Tale tempio è stato elogiato soprattutto per l'armonia del suo progetto, che è stato paragonato all'architettura degli antichi greci e romani. Secondo Maurice Glaize, un sovrintendente di Angkor della metà del XX secolo, il tempio "raggiunge una perfezione classica mediante una moderata monumentalità dei suoi elementi più belli e la collocazione precisa delle sue proporzioni. È un'opera di potenza, unità e stile". Pertanto, Angkor Wat è diventato il simbolo della Cambogia, tanto che appare sulla bandiera nazionale ed è oggi il luogo del paese più visitato dai turisti. Il modo migliore per visitare Angkor Wat è partendo da Siem Reap, che si trova a circa di 10km di distanza. Da qui è interessante che potete trovare a prendere un tuk tuk Cambogia. 

 

2. Angkor Thom

Angkor Thom (che in lingua khmer significa semplicemente Grande Città) è il nome attualmente usato per l'ultima e più potente capitale dell'Impero Khmer che dominava il sud-est asiatico e raggiunse il massimo splendore tra il XII e il XIV secolo per poi essere inspiegabilmente abbandonata. Copre un'area di circa 9 km² in cui si possono trovare diversi monumenti, sia di epoche precedenti che costruiti da Jayavarman VII e suoi successori. Al centro della città c'è il tempio-montagna del Bayon, centro del culto di stato di Jayavarman VII, mentre altre costruzioni importanti sono raggruppate attorno alla Piazza della Vittoria, subito a nord. Angkor Thom è costruita nello stile detto Bayon (dal tempio omonimo), che si manifesta nelle grandi dimensioni costruttive, nell'ampio uso di laterite, nelle torri quadrangolari con grandi visi scolpiti e nei ponti Nāga ad ognuna delle cinque entrate della città. Protetta da possenti mura, vi si accede da porte colossali, situate ai quattro punti cardinali. Immersi tra la fitta vegetazione, spuntano a sorpresa decine di templi e resti di antichi edifici sparsi su una superficie di un centinaio di chilometri quadrati. Vista l'estensione, vi conviene spostarvi anche con un tuk-tuk Cambogia che vi segua per tutta la visita 

II. Siem Reap

Siem Reap, incastonata tra le rovine di Angkor Wat e il lago di Tonlé Sap, prende il nome dal lungo fiume (83 chilometri) che attraversa il suo caratteristico centro storico, un punto di partenza ideale alla scoperta dei templi e rovine Khmer. Oltre a ristoranti, caffeterie, bar, per non parlare dei mercati, delle boutique e delle gallerie d'arte, ci sono i surreali villaggi galleggianti sul lago Tonlé Sap e si praticano attività avventurose, come quad e zip-line,... Specialmente, potete soggiornare presso gli abitanti e sperimentare la vita tradizionale. 

III. Tonlé Sap

Una delle destinazioni più affascinanti del Siem Reap è Tonlé Sap. Il più grande lago di acqua dolce della Cambogia e di tutto il Sud-est asiatico saprà regalarvi una vista unica e speciale: la sua superficie pullula di piccole palafitte animate e di barchette straripanti di frutta e verdura. Tonlé Sap, significa “Grande fiume dalle acque fresche”, questo è il suo nome, dichiarato “riserva della biosfera” UNESCO nel 1997. Godete della vista di una Cambogia rurale, ammirando i pescatori indaffarati, le donne al mercato e i piccoli tuffatori esperti.

IV. Phnom Penh

Se vi ancora chiedete cosa vedere in Cambogia, non pedere la città di Phnom Penh, la capitale politica ed economica della Cambogia. Una volta conosciuta come la Perla dell'Asia, tale città è oggi una meta turistica di discreta importanza ed è rinomata per la sua architettura, che risente sia dello stile tradizionale khmer sia di quello ereditato durante la dominazione coloniale francese. Può parlare che Phnom Penh si è scrollata di dosso le ombre del passato e ha iniziato a sfoggiare da tempo un look più moderno e luminoso, nonostante conservi ancora un lato antico. Al Phnom Penh, vi saprà stupire anche il viaggiatore moderno, quello a caccia di alberghi alla moda, ristoranti gourmet e bar bohèmien,... Tuttavia, non perdete a visitare il Museo Nazionale, il Palazzo Reale e la Pagoda d’Argento, e la prigione di Tuol Sleng, dove scoprire un pezzo di storia del Novecento e le drammatiche vicende dei Khmer rossi,...

 V. Battambang

 Distesa lungo il fiume Sangker, Battambang è una delle cittadine coloniali meglio conservate del paese e può parlare che questa è la Cambogia che vi aspettate. La cittadina di Battambang è una di quelle coloniali francesimeglio conservate, dove ancora godete l’aria francese dell’epoca e ci si immerge in un’atmosfera rurale molto affascinante. Nelle vecchie botteghe francesi c’è un po’ di tutto, dal caffè del commercio equo e solidale alle gallerie d’arte. Inoltre, ci sono i templi antichi che, sebbene non siano straordinari come l’Angkor Wat, sono meno affollati e meritano una visita. Non vi dimenticate di provare “trenino di bambù“, un mezzo di trasporto fatto a mano dai locali e utilizzato da questi per spostarsi nelle vicine campagne.

VI. Kampot

Offrendo cittadine pittoresche, parchi nazionali, pagode rupestri, e spiagge tropicali, la provincia di Kampot dovreste scegliere per il visto Cambogia. Nella tranquilla Kampot potrete ritrovare se stessi e soggiornare in ostelli, resort sul fiume e boutique hotel, ammirare l’architettura coloniale francese con un’architettura coloniale originale. Vi consigliamo di esplorare il fiume in barca oppure in kayak, scoprire Kep, un mercato dei granchi aromatizzato al pepe di Kampot che è una specialità della cucina khmer da provare. Potreste fare escursioni a piedi nel Parco Nazionale di Kep e la vicina Koh Tonsay, l'Isola del Coniglio, salire alla Stazione Climatica di Bokor e visitare le celebri coltivazioni di pepe di Kampot. 

 

VII. Mondulkiri

Mondulkiri è una meta speciale da visitare la Cambogia. La caratterizza il paesaggio cambogiano fatto di risaie a perdita d’occhio cede il passo a dolci colline nel ‘selvaggio est. Si trova Mondulkiri, una zona abitata dai fieri bunong, che praticano tuttora l’animismo e il culto degli antenati. Qui la natura incontaminate vi offre l'occasione di godere le foreste passeggerete con gli elefanti, avvisterete i gibboni e farete un interessante trekking nella foresta protetta di Seima, tra zip-line nella giungla, cascate ripide e incontri ravvicinati con una flora e una fauna uniche.

 VIII. Isole meridionali

Finiamo il nostro tema sulla cosa vedere in Cambogia con le meravigliose isole meridionali. I due isole di Koh Rong e di Koh Rong Sanloem, situate al largo della costa di Sihanoukville, fra le isole del Sud cambogiana, sono dei piccoli angoli di paradiso dalle acque blu e i lidi bianchi. Koh Rong ha un’atmosfera festaiola, con il villaggio di Koh Tuch che è diventato una sorta di meta hippy che sarà il vostro antidoto contro lo stress. In questi, la tranquilla Koh Rong Sanloem con qualche resort tropicale e belle baie poco profonde. Lungo la costa si trovano altre isole, tra cui l’Arcipelago di Koh Sdach e la grande e pressoché incontaminata Koh Kong. 

 Il nostro tour Cambogia vi promette di offrirvi il itinerario suggerito e i consigli utili per aiutarti a pianificare un viaggio in Cambogia, un viaggio da sogni, un viaggio di leggende ed un viaggio di meraviglie che resteranno per sempre nella vostra memoria.

>> Pianificate il vostro viaggio in Cambogia con noi qui: https://vietnam.indocinaviaggi.com/viaggio-su-misura <<

 

Erba Pham

Lascateci un commento

0 comments

Sort by

get in touch

Domande?
I nostri consulenti qui ad aiutarvi.

Essendo i locali, capiscono il vero valore del vostro viaggio. Vi ascoltiamo ed organizziamo sempre il vostro viaggio come desiderate. Vi preghiamo gentilmente di inviarci qualsiasi informazioni sul vostro viaggio, vi invieremo le migliori offerte rapidamente.

Contattateci

Nostro Partner

Indocinaviaggi.com - siamo accompagnati con altri marchi leader per regalarvi delle vacanze meravigliose.